"J" vs. "J" Jess Willard - Jack Dempsey

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

"J" vs. "J" Jess Willard - Jack Dempsey

Messaggio  Admin il Lun Lug 13, 2009 10:40 pm

Uno degli incontri più violenti che mi sia mai capitato di vedere. Disputato nel remoto 4 luglio del 1919 tra il campione del mondo in carica Jess Willard, un gigantesco cow-boy bianco che aveva fatto sua la cintura battendo il nero Jack Johnson il 5 aprile del 1915 all’Avana, in un incontro pulito e molto bello terminato con il K.O. di Johnson alla 26° ripresa delle 45 previste, e Jack Dempsey, uno dei più aggressivi pugili della storia della “Noble-Art”. Personalmente ritengo Jess Willard, a pari merito con l’italiano Primo Carnera, il più grande peso massimo di tutti i tempi. Svoltosi a Toledo, nell’Ohio, questo match è “sporco”, come ha sempre sostenuto lo stesso allenatore di Dempsey, Jack Kearns, ed ora vi spiego il perché…Jack Dempsey combattè con dei guantoni corazzati: le fasciature sulle mani erano state appesantite con del gesso a presa rapida, in più sotto il guantone sinistro, (il miglior colpo di Jack era il gancio sinistro), il suo allenatore, appunto Jack Kearns, aveva posizionato una spessa lastrina di piombo larga 2 centimetri e lunga 6 che aveva la forma del dorso dell’articolazione metacarpo-falangea della mano sinistra del suo assistito. Ha inizio la battaglia, Dempsey è alto 1 metro e 85 mentre il campione Willard è oltre 2 metri (2,01 per essere più precisi), e subito il “Massacratore di Manassa”, era questo il soprannome di Dempsey, parte all’attacco, ad ogni gancio sinistro il volto di Willard si gonfiava paurosamente fino a diventare tremendamente rivoltante, di fatto il gigante nel primo round andò al tappeto ben sette volte e perse anche due denti. Subito dopo il 7° K.d., l’arbitro portò Dempsey al proprio angolo dicendogli che aveva vinto e che l’incontro era finito. In un istante Kearns tolse i guantoni al combattente di Manassa ed insieme a questi anche la lastrina di piombo che era fissata con del nastro adesivo. Improvvisamente suona il gong di fine round, quindi Willard è stato salvato dalla campana. Immediatamente Kearns urla a Dempsey di rimettersi subito i guantoni perché il campione era stato salvato dal gong e l’incontro riprendeva. Nel rimettersi i guantoni Dempsey non aveva più la lastra di piombo che era stata saggiamente nascosta da Jack Kearns. Guarda caso nel 2° e 3° round Willard non andò mai più giù, ma dovette ritirarsi poco dopo per i danni subiti nel corso della prima ripresa e cedere quindi il suo titolo.
Ad ogni modo vi assicuro, appellandomi alla mia esperienza ed alle mie conoscenze in fatto di boxe, che senza quei guantoni corazzati Dempsey quel match non avrebbe mai potuto vincerlo, fu un grandissimo campione, ma non come Jess Willard, che, ripeto, insieme al gigante friulano Primo Carnera, fu il più grande d’ogni tempo.
avatar
Admin
Admin

Messaggi : 21
Data d'iscrizione : 12.07.09
Età : 111
Località : Sequals (Friuli, Italy)

Vedi il profilo dell'utente http://carnera-boxe.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum